Sette proposte per l’agricoltura sostenibile del futuro.

Il cibo è vita. Ciò che coltiviamo e mangiamo nutre e sostiene il nostro organismo. Fa parte della nostra cultura ed è fonte di ispirazione. Unisce persone e comunità. Forse più di ogni altra cosa, il cibo definisce ciò che siamo.

La strada verso un modello di agricoltura che garantisca un giusto sostentamento agli agricoltori e protegga l’ambiente, è quella descritta nel rapporto “Agricoltura sostenibile: sette principi per un nuovo modello che metta al centro le persone”, pubblicato da Greenpeace International. Un sistema basato sulle più recenti innovazioni scientifiche, grazie al quale è possibile produrre alimenti sani lavorando con la natura e non contro di essa.

I sette principi per un’agricoltura sostenibile descritti nel rapporto di Greenpeace sono:

1. restituire il controllo sulla filiera alimentare a chi produce e chi consuma, strappandolo alle multinazionali dell’agrochimica;

2. sovranità alimentare. L’agricoltura sostenibile contribuisce allo sviluppo rurale e alla lotta contro la fame e la povertà, garantendo alle comunità rurali la disponibilità di alimenti sani, sicuri ed economicamente sostenibili;

3. produrre e consumare meglio: è possibile già oggi, senza impattare sull’ambiente e la salute, garantire sicurezza alimentare e, contemporaneamente, lottare contro gli sprechi alimentari. Occorre diminuire il nostro consumo di carne e minimizzare il consumo di suolo
per la produzione di agro-energia. Dobbiamo anche riuscire ad aumentare le rese dove è necessario, ma con pratiche sostenibili;

4. incoraggiare la (bio)diversità lungo tutta la filiera, dal seme al piatto con interventi a tutto campo, dalla produzione sementiera all’educazione al consumo;

5. proteggere e aumentare la fertilità del suolo, promuovendo le pratiche colturali idonee ed eliminando quelle che invece consumano o avvelenano il suolo stesso;

6. consentire agli agricoltori di tenere sotto controllo parassiti e piante infestanti, affermando e promuovendo quelle pratiche (già esistenti) che garantiscono protezione e rese senza l’impiego di costosi pesticidi chimici che possono danneggiare il suolo, l’acqua,
gli ecosistemi e la salute di agricoltori e consumatori;

7. rafforzare la nostra agricoltura, perché si adatti in maniera efficace il sistema di produzione del cibo in un contesto di cambiamenti climatici e di instabilità economica.

Negli ultimi anni sono già stati fatti passi avanti importanti. La diffusione di pratiche biologiche e concetti come quello di “sovranità alimentare”, così come il consumo di prodotti locali, sono fenomeni che si contrappongono e si offrono come alternativa all’attuale modello agricolo di stampo industriale. Ma è arrivato il momento di andare oltre. Un nuovo movimento sta rapidamente crescendo in tutto il mondo: è il movimento che si è sviluppato intorno all’agricoltura sostenibile e all’agroecologia.

Fonte : Greenpeace

 

Sette proposte per l’agricoltura sostenibile del futuro.
Tags: