Serie 7ST di Deutz-Fahr

Ciascuna azienda agricola ha bisogno di un trattore appositamente progettato per l’impiego in uno specifico ambiente operativo. Per chi pensa in grande: è ora di passare alla Serie 7 ST.

MOTORI DEUTZ TCD 6.1. È ORA DI METTERE IL TURBO ALLA VOSTRA ATTIVITÀ

Il motore Deutz TCD 6.1 presenta la tecnologia SCR ed è appositamente progettato per le applicazioni più gravose. Spicca per la massima potenza erogata abbinata ai bassissimi consumi di carburante ed emissioni. Il motore alimenta la massima potenza a 1900 giri/min con una coppia massima di 1600 Nm, che tra i 950 e 1650 giri/min. resta pressoché costante. Soddisfa quindi le prescrizioni di legge relative all’impatto ambientale e le esigenze delle aziende agricole di tecnologie redditizie meglio di qualunque altro motore. Il Deutz TCD 6.1 è estremamente innovativo. Il sistema Deutz Common Rail impiega due pompe per garantire costantemente alta pressione e di conseguenza elevata affidabilità. Il turbocompressore con valvola wastegate a controllo elettronico assicura la massima pressione di esercizio, anche sotto carico. Con quattro valvole per cilindro, l’efficienza della combustione è decisamente migliorata. Particolarmente innovativo: con tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction), che trasforma gli ossidi di azoto presenti nei gas di scarico in innocui azoto atmosferico e vapore acqueo. I motori Deutz TCD 6.1 consumano meno carburante dei motori tradizionali e sono completamente biodiesel compatibili (B100).

POWERSHIFT. PASSATE ALL’EFFICIENZA IN 33 MODI
TRASMISSIONE SENZA SIGNIFICATIVE PERDITE DI POTENZA

Una grande varietà di lavori sul campo, dal dissodamento e la semina al mantenimento e alla fertilizzazione del terreno, oltre alle operazioni di trasporto: tutto questo può essere svolto in modo efficiente soltanto se la potenza del motore viene trasformata esattamente in trazione con un alto livello di precisione dei comandi per ciascuna operazione e perdite quanto più contenute possibili. Questo è proprio quello che rende così esclusiva la trasmissione della Serie 7 ST. Trasferisce la potenza del motore direttamente alle ruote senza perdite di energia rilevanti. Durante il trasporto a pieno carico, questo si traduce in un importante vantaggio in termini di rendimento del carburante rispetto ai tradizionali sistemi di trasmissione. La trasmissione della Serie 7 ST è costituita da un cambio SDF Powershift con 33 marce AV + 33 RM e nove velocità superridotte. Eccelle per una vasta gamma di rapporti Powershift per tutti i lavori sul campo a velocità da 2 km/h a 19 km/h

GARANZIA DI PRESTAZIONI STRAORDINARIE
POTENZA DI SOLLEVAMENTO DI 10.000 KG E REGOLATORE SOLLEVATORE ELETTRONICO

La Serie 7 ST presenta un impianto idraulico “load-sensing” con una portata di 120 l/min e fino a sette centraline ausiliarie. Tutte regolano la quantità e la velocità del flusso d’olio e sono azionate da comodi pulsanti presenti sul joystick e potenziometri intelligenti sulla console laterale. Il sistema “load sensing” garantisce una regolazione della potenza idraulica costante in base alle esigenze dei clienti (l’olio alimentato viene mantenuto sempre a pressione costante). La pompa idraulica a portata variabile alimenta soltanto la quantità necessaria d’olio, garantendo minore perdita di potenza e consentendo una maggiore durata utile dei componenti idraulici. Raccordi idraulici tipo ‘push–pull’ collegano le tubazioni idrauliche in pressione. Eventuali gocce d’olio fuoriuscite durante il collegamento delle tubazioni delle attrezzature vengono raccolte in un serbatoio di trafilamento. L’intera Serie 7 ST comprende il regolatore sollevatore elettronico (EHR), che regola trazione, posizione, relative combinazioni e eventualmente slittamento. L’innovativa geometria del punto di rotazione dinamico fa sì che il punto di trazione dell’attacco a tre punti venga guidato verso il baricentro del trattore per garantire la massima trazione.

SIATE FIDUCIOSI. SEMPRE E OVUNQUE
AFFIDATEVI AL CONCETTO DI SICUREZZA DELLA SERIE 7ST

Una lieve pressione sul pedale del freno è tutto quello che serve per ottenere una risposta immediata, potente e ben controllata grazie alla pressione costante nel circuito idraulico dell’impianto frenante. Il nuovo impianto Powerbrake servoassistito è dotato di un accumulatore aggiuntivo che garantisce sicuramente fino a dieci azionamenti del freno in caso di emergenza, anche a motore spento. La maggiore distanza tra guarnizioni e dischi freni (compensata dal servofreno) si traduce in una perdita di potenza contenuta, minore usura sui componenti e minore riscaldamento dell’olio. L’impianto frenante presenta dischi in bagno d’olio sulle quattro ruote motrici (freni su tutte le ruote), consentendo una frenata estremamente precisa, controllata. Un interruttore, integrato nel bracciolo, comanda il sistema del freno di stazionamento elettronico, che attiva un motorino elettrico e un componente meccanico per l’innesto dei dischi freni posteriori. L’innovativo sistema riduce l’attrito, attenuando quindi la perdita di potenza del motore. Un sistema con molle a disco consente la regolazione automatica della distanza tra dischi e pistoncini dei freni, assicurando la lubrificazione senza attrito in modo da evitare l’inutile trasmissione o la perdita di potenza

 

Fonte: Deutz-Fahr

Serie 7ST di Deutz-Fahr
Tags: