EIMA International: il “crocevia” della meccanizzazione agricola

Circa 1.800 industrie costruttrici saranno a Bologna per l’edizione 2014 di EIMA International, la rassegna delle tecnologie per l’agricoltura e la cura del verde. Oltre 200 mila gli operatori attesi, provenienti da 140 Paesi. Oltre ai tradizionali 14 settori di specializzazione, confermati i quattro Saloni tematici, per un’offerta di soluzioni tecnologiche adatte ad ogni tipo di agricoltura, in ogni parte del mondo.

Con sei mesi d’anticipo rispetto al periodo di svolgimento, la rassegna di EIMA International – che si tiene a Bologna dal 12 al 16 novembre 2014, organizzata da FederUnacoma – ha già superato i livelli dell’edizione 2012 e si avvia verso un nuovo record in termini di superficie espositiva, di numero d’aziende partecipanti e di delegazioni estere ufficiali. Ad oggi, la richiesta di superficie supera i 150 mila metri quadrati netti (quasi 300 mila lordi), lasciando prevedere un incremento finale pari al 10%; mentre in aumento risulta anche il numero di aziende partecipanti (sono state 1.750 nell’edizione 2012), fra le quali ben350risultano del tutto nuove per la manifestazione, a conferma di come la rassegna bolognese rappresenti per le aziende della meccanica agricola un appuntamento irrinunciabile. Grazie ad un’offerta di circa 30 mila differenti modelli, e ad un sistema di servizi finalizzati ad assistere gli operatori negli incontri d’affari, EIMA International risponde alle esigenze di un pubblico di professionisti quanto mai esteso (oltre 200 mila i visitatori attesi, dopo l’affluenza record di 198 mila della scorsa edizione) proveniente per oltre il 20% dall’estero (140 Paesi); mentre sono circa 50 le delegazioni estere ufficiali che parteciperanno alla manifestazione, animando le sessioni d’incontro “business-to-business”organizzate con le aziende espositrici. Il taglio professionale della rassegna è confermato dalla rigorosa suddivisione merceologica, che prevede 14 distinti settori, e quattro Saloni specializzati: EIMA Green, per il giardinaggio e cura del verde, EIMA Componenti, per la componentistica, i ricambi e gli accessori, EIMA M.I.A. per le attività multifunzionali in ambiente rurale ed EIMA Energy per le tecnologie dedicate alle filiere bioenergetiche.“Il mercato della meccanizzazione agricola è in crescita a livello mondiale, per l’aumento della domanda da parte dei nuovi colossi economici di India, Cina e Brasile, e da parte dei Paesi emergenti dell’Estremo Oriente, dell’America Latina, dell’Africa e dell’Europa Orientale – ha spiegato il presidente di FederUnacoma Massimo Goldoni – e la rassegna dell’EIMA si pone come crocevia degli scambi ‘globali’, costituendo il luogo d’incontro fra i Paesi produttori di macchine e tecnologie per l’agricoltura e la cura del verde, e i Paesi acquirenti, che evidenziano fabbisogni molto diversi a seconda delle rispettive condizioni climatiche, economiche e sociali, e che nei padiglioni della fiera bolognese trovano le migliori tecnologie per ogni modello di sviluppo”.

EIMA International: il “crocevia” della meccanizzazione agricola